Applicazioni fitoiatriche a “basso volume” con sistemi di distribuzione di tipo elettrostatico.

Applicazioni fitoiatriche a “basso volume” con sistemi di distribuzione di tipo elettrostatico.

A. Cesari, R. Davì, F. Castagnoli, P. Flori.

Dipartimento di protezione e valorizzazione agroalimentare sezione di Fitoiatria – Università degli studi di Bologna.

scarica il file completo relativo alle “Applicazioni fitoiatriche a Basso Volume con sistemi di distribuzione di tipo elettrostatico” in formato pdf

Premessa e scopi

Nell’ambito dei sistemi di distribuzione degli antiparassitari funzionanti a “basso volume” impiegati nella difesa delle piante, un’ interesse particolare stanno destando le apparecchiature tipo “elettrostatico” ed “elettrodinamico” per i miglioramenti che possono portare a livello della formazione del deposito di fitofarmaco sulle superficie delle piante, con particolare riguardo alla uniformità di copertura degli organi da proteggere.

Infatti la polarità indotta nelle gocce finemente micronizzate, mentre da un lato contribuisce a contenere le perdite per fenomeni di deriva, dall’altro ne impedisce l’aggregazione durante la fase dinamica del trasporto e la sovrapposizione al momento dell’impatto con la superficie vegetale, con effetti significativi sul grado di protezione e sulla riduzione delle perdite (Marchant e Green, 1982; Spilmann 1984).

Risultati interessanti con l’impiego di tali sistemi sono già stati osservati in trattamenti effettuati su colture erbacee quali grano, orzo, cotone, ecc. (Law, 1982; Arnold et al., 1984), anche se in taluni casi l’elevata densità fogliare ha fatto rilevare limitazioni nella penetrazione della miscela antiparassitaria all’interno della vegetazione. (Caylei et al., 1985).

Scarse, risultano invece, le indicazioni nelle applicazioni in colture arboree dove, peraltro, il progressivo diffondersi del “basso volume” (Cesari et al., 1984) parrebbe offrire interessanti possibilità applicative (Inculet et al., 1981).

Al fine di portare un contributo alla conoscenza sulle reali possibilità offerte dai sistemi elettrostatici, sono state realizzate nel biennio 1984-85, alcune indagini nell’intento di verificare l’efficacia di un nebulizzatore pneumatico-elettrostatico funzionante a “basso volume”, nella difesa antipicchiolatura del melo, applicando dosi progressivamente ridotte di fungicidi e quantificandone al contempo il deposito sulle superfici trattate…

This post is also available in: English (Inglese)